Equigomma

Cavalli inutili? No!
Dalla caduta alla rinascita del cavallo in Italia

Il nuovo libro di Robera Ravello

hose angels_cav inutili.png

Dopo diversi anni dall'uscita della prima edizione di “Cavalli inutili?”, nel 2008, e dopo aver dedicato da allora la maggior parte del mio tempo a ricollocare cavalli a fine carriera, ho deciso di tornare sull'argomento nel 2013, con una edizione rivista e aggiornata, che tiene conto non solo del percorso da me fatto nel campo della tutela equina da allora, ma anche dei cambiamenti intervenuti nella percezione del benessere del cavallo a livello della pubblica opinione dal 2008 ad oggi.
 
Ho scelto di rimodulare il libro perché fosse comprensibile a tutti, animalisti ma anche non, e soprattutto a coloro che lavorano con i cavalli ma non hanno esperienza nel confrontarsi con quella opinione pubblica italiana, oramai vasta, che vede il cavallo moralmente come animale d'affezione.
 
I tempi sono maturi perché qualcosa possa essere fatto per riconoscere il desiderio di essere amato e rispettato del cavallo, andando incontro alla sensibilità popolare che lo vuole tutelato.
 
Per fortuna oramai sono in molti, anche tra gli operatori del mondo equestre e dell'ippica, che vedono la rinascita del comparto collegata ad una maggiore trasparenza e protezione nei confronti del benessere del cavallo in vita, ma anche del suo destino ultimo.
 
Occorre maggiore dialogo e comprensione reciproca al fine che l'etica non sia in contrasto irrisolvibile con l'uso del cavallo in ambito lavorativo e sportivo. Certo, ci vuole coraggio per svoltare pagina e fare quei piccoli passi nella direzione che oramai tutti sperano, perché il possesso del cavallo sia un cammino verso la legalità, la responsabilità e il consenso sociale al suo possesso, non solo come animale d'affezione, ma anche per il suo impiego nelle attività equestri.
 


Ordina il libro!

redazione
Fonte: Roberta Ravello - Horse Angels onlus

Commenti

LIBRI: leggi anche...

asdasdasd