2G Pet Food - Be-active

Positiva la prima edizione della Vetrina a Vendere per cavalli italiani.

Si è svolta domenica 3 maggio a Sommacampagna presso le strutture del Circolo Ippico Paradiso. Presente anche il presidente della FISE Vittorio Orlandi.

vetrina-a-vendere-2.jpg

Conclusa la prima edizione della Vetrina a Vendere per cavalli italiani, organizzata da Cristina Bestetti in collaborazione con il Centro Ippico Novese e con Cavalli d’Italia, l’associazione di allevatori di sella italiano, che si è svolta domenica 3 maggio a Sommacampagna, presso le strutture del Circolo Ippico Paradiso e nell’ambito di un concorso nazionale a quattro stelle di salto ostacoli. All’interno del bellissimo maneggio coperto Valpolicella gli allevatori e alcuni proprietari presenti a titolo privato hanno presentato i loro soggetti, montati da giovani cavalieri non professionisti, tra cui la figlia d’arte Francesca Maggiore - che hanno così avuto l’occasione di fare un’esperienza del tutto nuova, e da Andrea Olmi – esperto trainer con lavora secondo i metodi etologici di approccio al cavallo.

 

I tredici soggetti, di età compresa tra i 5 e i 12 anni, si sono dimostrati adatti a un pubblico eterogeneo e hanno suscitato interesse tra i presenti. Venduto al termine dell’evento Sorrento (Stendiger e Daunya da Steuben), un baio del 2008 allevato da Nicola Schiena – Allevamento del Centauro, e in prova i soggetti Poliedro (Acobat e Impetuosella da Uranite), allevato da Carlo Malica, Frodon (Kannan e Greta di Valmarina da Quat’Sous), allevato da Renato Casiroli – Azienda Agricola San Giacomo, Isidoro (Larino e Dirse de Bruyeres da Quinquin du Valon) di proprietà di Giovanni Trenti Modena e Ares (Up Market de Gamet e Lady X da Roberspierre) di Valter Grossi. Interesse anche per la giovane Laila (Quidam de Revel e Gerlis I da Ahorn Z) allevata da Renato Casiroli - Azienda Agricola San Giacomo.

 

Presente in campo, all’apertura della manifestazione, anche il presidente della FISE, il Cavalier Vittorio Orlandi che ha dato un saluto di benvenuto e che ha sottolineato i vantaggi connessi all’acquisto di un cavallo italiano, auspicandosi il ripetersi di manifestazioni come queste.

 

Ecco le sue parole: “Questa manifestazione è estremamente importante perché offre l’opportunità di scegliere dei soggetti che è possibile conoscere alla perfezione e di eliminare tutte le incognite connesse all’acquisto di un cavallo straniero: all’estero si provano i cavalli una, due volte al massimo e poi bisogna concludere. Qui invece si è tra amici ed è facile scoprire vita, morte e miracoli di questi cavalli e del loro stato di salute. Per questo io invito tutti coloro che desiderano acquistare un cavallo a rivolgersi all’allevamento italiano”.

 

A breve sarà disponibile il calendario secondo il quale si svolgeranno le prossime edizioni dell’evento.

Vittoria Smania

Commenti

EVENTI: leggi anche...

asdasdasd