Equigomma

Lo sapevate che... La pecora delle Montagne Rocciose è a rischio di estinzione?

Le principali cause della scomparsa di questa specie sono le malattie trasmesse dalle pecore domestiche e gli incidenti

bighorn-pecora-montagne-rocciose.jpg

La pecora delle Montagne Rocciose, scientificamente chiamata "Ovis canadensis", è una specie di pecora del Nord America caratterizzata da due grosse corna che possono pesare fino a 14 kg.


Originariamente questa pecora giunse in Nordamerica dalla Siberia, a partire dal 1900 la popolazione si ridusse ad alcune migliaia di esemplari. Abita solo nei luoghi delle montagne rocciose, dove riesce a sopravvivere grazie alla sua straordinaria agilità.


Ovis canadensis è una delle tre specie di pecore di montagna del Nordamerica e della Siberia.


I bighorn devono il nome alle grandi corna ricurve presenti nei maschi, anche le femmine hanno le corna, ma più corte e meno ricurve. I maschi pesano 58–143 kg e sono alti circa 91–100 cm, le femmine pesano 34–85 kg e sono alte 76–91 cm.


Le pecore selvatiche sono animali intelligenti, coraggiosi, muniti di sensi acuti, veloci e resistenti ad ogni fatica. Amano particolarmente la montagna e vivono in mandre più o meno numerose sotto la guida d'un vecchio maschio.


I bighorn sono molto suscettibili a certe malattie trasmesse dalle pecore domestiche, come la scabbia e la polmonite, altri fattori di mortalità sono gli incidenti dovuti a frane o a cadute dalle pendici rocciose. Negli anni i bighorn si sono ben adattati per arrampicarsi su terreni impervi, dove sono al sicuro da predatori come coyote, aquile reali e puma. Questa specie è molto sensibile a molti sconvolgimenti ambientali causati dall'uomo.


I bighorn vivono in branchi numerosi guidati da un unico maschio dominante e si nutrono di erba e di arbusti e leccano sali minerali nelle saline naturali.


Duemila anni fa i bighorn erano diffusi in tutti gli Stati Uniti occidentali, il Canada e il Messico settentrionale e il loro numero complessivo superava i due milioni, ma attorno al 1900, la caccia, la competizione con le pecore domestiche e le malattie ne avevano ridotto il numero a solo poche migliaia.


Culturalmente i bighorn erano tra gli animali più ammirati dal popolo Apsaalooka, o Crow. I bighorn vengono cacciati sia per la carne che per le corna, utilizzate nelle cerimonie e come trofei di caccia. Anche da vivi offrono una valida fonte di guadagno, dato che molti turisti sono desiderosi di osservare questi celebri animali nel loro habitat originario.

Redazione

Commenti

ANIMALI: leggi anche...

asdasdasd