Equigomma

Lo sapevate che... il furetto dai piedi neri è a rischio di estinzione?

Tra le principali cause di mortalità dei furetti dai piedi neri vi sono la perdita dell'habitat, le malattie introdotte dall'uomo e gli avvelenamenti

furetto-1.jpg

Il furetto dai piedi neri, scientificamente chiamato "Mustela nigripes Audubon", è un Mustelide originario delle regioni centrali del Nordamerica. Dal momento che ne rimangono solamente popolazioni piccole e poco numerose, viene classificato come specie in pericolo. Questa specie si è ridotta sempre più nel corso del XX secolo, a causa della diminuzione delle popolazioni di cani della prateria e delle epidemie di peste selvatica.


Le poche decine di esemplari rimasti continuarono a vivere nell'area fino a quando la specie non venne dichiarata estinta in natura nel 1987. Tuttavia, grazie ad un programma di riproduzione in cattività condotto tra il 1991 e il 2008, alcuni furetti sono stati reintrodotti in vari stati occidentali e in Messico. Oggi in natura vi sono più di 1000 esemplari adulti nati allo stato selvatico, suddivisi in 18 popolazioni, delle quali quattro autosufficienti.


Il furetto dai piedi neri ha il corpo molto lungo e la testa smussata. Il muso è corto, le orecchie erette e larghe alla base. Il collo è lungo e le zampe corte. Le dita hanno artigli affilati e curvi.


Ha le dimensioni di un visone, conduce una vita notturna e solitaria, tranne che nel periodo riproduttivo e dell'allevamento dei piccoli. Il 91% della sua dieta è composta da cani della prateria.


Le variazioni climatiche solitamente non limitano gli spostamenti di questa specie, ma durante l'inverno può rimanere al sicuro nella tana anche per 6 giorni di seguito.


La sopravvivenza del furetto dai piedi neri era strettamente legata a quella dei cani della prateria, di cui anche sfruttano le tane per allevare i propri cuccioli.


Nel 1987, l'unica popolazione rimasta di furetti selvatici era stanziata nella parte occidentale del Bighorn Basin (Wyoming), ma a partire dal 1990, i furetti sono stati reintrodotti.


Tra le principali cause di mortalità dei furetti vi sono la perdita dell'habitat, le malattie introdotte dall'uomo e gli avvelenamenti indiretti legati al controllo dei cani della prateria. La speranza di vita media in natura è di circa un anno, ma può raggiungere anche i 5. Il tasso di mortalità dei maschi è maggiore delle femmine, poiché tracciando distanze maggiori sono più vulnerabili agli attacchi dei predatori come aquile reali, gufi della Virginia, coyote, tassi americani e linci rosse.


Data la loro stretta dipendenza dai cani della prateria, i furetti sono estremamente vulnerabili ai danni arrecati alle loro colonie dall'agricoltura e dal bestiame.


I furetti possono cadere vittima di aquile reali, gufi della Virginia, coyote, tassi americani, linci rosse, falchi della prateria, poiane tabaccate e crotali della prateria[11][20][21].


L'aumento di strade e recinzioni, l'incremento dei veicoli e della presenza umana, e l'aumento degli uccelli rapaci, che trovano ottimi posatoi nei tralicci dell'alta tensione. Inoltre, i furetti possono rimanere feriti nelle trappole posizionate per catturare coyote, visoni americani e altri animali.


Un primo programma di allevamento in cattività iniziò nel 1987, con la cattura di 18 esemplari selvatici e l'impiego dell'inseminazione artificialeA partire dal 1991 varie agenzie statali hanno iniziato a reintrodurre i furetti in natura, inizialmente nel Wyoming orientale, e successivamente in Montana.

 

 

 

Le Associazioni di riferimento:

- www.lav.it
- www.enpa.it
- www.abolizionecaccia.it
- www.oipaitalia.org
- www.greenpeace.org
- www.wwf.it

 

 

 

Redazione

Commenti

ANIMALI: leggi anche...

asdasdasd