EcoPlus

Lo sapevate che... la Tartaruga Embricata è a rischio di estinzione?

Le principale cause della scomparsa di questa specie sono la caccia e l'inquinamento del suo habitat

_2017/tartaruga_embricata.jpg
La Tartaruga Embricata è una tartaruga marina, unica specie del genere Eretmochelys. Quest'animale migra in continuazione e si trova principalmente in prossimità delle barriere coralline degli oceani Indiano, Pacifico e Atlantico. Tra tutte le specie di tartarughe marine, la Tartaruga Embricata è quella più comunemente associata alle calde acque tropicali.
 
Gli esemplari adulti sono mediamente lunghi 95 cm e solitamente pesano 80 kg. Il carapace dell'animale è prevalentemente di colori scuri e nero. La Tartaruga Embricata è facilmente distinguibile da altre tartarughe per la sua bocca particolarmente simile al becco di un uccello e per le squame posteriori del guscio, che si sovrappongono l'un l'altra. La Tartaruga Embricata si nutre principalmente di spugne, ma anche di crostacei, alghe e pesci. A causa del suo carapace resistente e affilato gli unici animali che possono aggredire la Tartaruga Embricata sono squali, coccodrilli, piovre.
 
Sebbene cacciare questo animale sia illegale in molti paesi, l'essere umano costituisce la minaccia principale della Tartaruga Embricata, la cui carne è ritenuta una leccornia. Inoltre il guscio di tartaruga comunemente utilizzato per le decorazioni è proprio quello della Tartaruga Embricata. In Giappone l'animale viene cacciato per le sue squame, impiegate per realizzare la montatura di occhiali e per i plettri per lo shamisen, uno strumento musicale del folklore nipponico. La Tartaruga Embricata è stata allevata in passato anche dagli antichi Greci e Romani, che usavano il carapace dell'animale per realizzare anelli, pettini, spazzole.
 
La Tartaruga Embricata è inoltre in pericolo a causa dell'inquinamento e della distruzione del suo habitat da parte dell'uomo. I biologi sono concordi nell'affermare che la popolazione di questa specie è crollata dell'80% negli ultimi 100 anni. La sopravvivenza di questa specie è inoltre resa difficoltosa dal suo basso tasso di riproduttività: la Tartaruga Embricata può riprodursi dai 10 ai 25 anni di età circa (sebbene alcuni esemplari raggiungono la maturità sessuale verso i 35 anni).
 
Nel 1982 la Tartaruga Embricata è stata isnerita nella lista delle specie in via di estinzione, mentre nel 1996 è stata considerata una specie in pericolo critico. Il governo statunitense ha avviato diverse iniziative per salvaguardare la specie.

Foto: Wikimedia Commons (Bruno Navez)

Redazione

Commenti

ANIMALI: leggi anche...

asdasdasd