2G Pet Food - Be-active

Dizionario Equestre Illustrato.
Da Acquaro alla Zebra... "H"

È una raccolta della maggior parte dei termini tecnici tipici del "mondo del cavallo" con tutte le sue poliedriche sfaccettature.
Ha come finalità primaria quella di evitare che il linguaggio tecnico cada nel dimenticatoio e venga sostituito da termini generici meno appropriati.

_2017/51ySZ4NnS6L-1-ok.jpg


Inoltre, permetterà agli appassionati grazie alle foto ed immagini a colori di poter comprendere a fondo il significato delle parole del gergo equestre. In tal modo si permetterà ai lettori di conoscere cosa si intende per "ardiglione", di conoscere il significato di un cavallo "coronato" e di un cavallo "zaìno", di conoscere cosa si intende per "posta" nel mondo equestre, di capire cos'è la conduzione di un cavallo "sotto mano", si potrà, anche, comprendere la differenza del termine "pattern" nell'ippica o nel reining e tanto altro ancora... ecc...


Dovremmo cercare di utilizzare sempre la parola "giusta" nel contesto giusto per permettere che sopravvivi la completezza della lingua italiana e dell'esatto significato.


Un'altra opportunità è data dalla presenza di una traduzione dei termini equestri in più lingue, come l'inglese, francese, tedesco, spagnolo e per alcuni vocaboli anche il cinese.

 

In questo articolo pubblichiamo i termini che iniziano con la lettera "H", seguiranno settimanalmente le altre lettere.

 

 

 

Il libro è acquistabile su AMAZON sia nella versione a colori che in bianco e nero.

 

Titolo: Dizionario Equestre illustrato

Da Acquaro alla Zebra

 

Autore: Piero Acquaro

 

Copertina flessibile: 307 pagine

 

Lingua: Italiano

 

Editore: Independently published

 

 

Per acquistare il libro direttamente su AMAZON clicca qui

 

(il libro è vivamente consigliato a tutti i lettori del Portale del Cavallo)




"H"  



HACKAMORE:
(bard.)

E' un mezzo di contenimento come il filetto o il morso, ma privo di imboccatura. E’ indicato per cavalli con difetti o lesioni alla bocca. E' inoltre indica­to per i cavalli che hanno la tendenza ad attaccarsi al ferro in maniera eccessiva, con conseguenze che possono pregiudica­re il buon risultato in gara. Il cavallo, infatti, appoggian­dosi in maniera eccessiva all'imboccatura, tende ad abbassare la schiena e, quindi, è facile che commetta errore con i poste­riori.

Quando si posizione l’hackamore si deve prestare particolare attenzione ad evitare che comprima le nari del cavallo compromettendone la respirazione. Diverso dall’hackamore è il bosal (vd.).



HACKNEY: (zool.)

E' una razza di cavallo della Gran Bretagna, che presenta il mantello generalmente sauro o baio, ma anche morello. Ha struttura mesomorfa ed un'altezza variabile tra 1,50 m. ed 1,60 m. E' particolarmente indicato per il tiro leggero e per la sella. Ebbe origine da cavalli orientali. La sua caratteristica principa­le è la conformazione molto allungata degli stinchi che gli permettono di distendere gli arti molto in avanti. L'Hackney è noto anche come trottatore di Norfolk.


HALTER:
(west.)

E' una delle specialità della monta western, che consiste nella presentazione alla capezza di soggetti da valutare in base alla struttura, al tipo, alla muscolatura, ad eventuali imperfezioni ereditarie ed al modo in cui si muovono. Vi sono vari classi, a seconda del sesso e dell’età dei cavalli. In nessuna classe pos­sono gareggiare esemplari di sesso diverso.


HANDICAPPER: (pers.gal.) (pers.trot.)

Nelle corse handicaps, è la persona che decide il peso che i ca­valli devono portare in corsa. Nel fare questo, l'handicapper deve cercare di parificare le condizioni dei concorrenti, in mo­do da uniformare le possibilità di vittoria. Nelle corse al trotto, anziché essere penalizzati da un peso maggiore, i cavalli con l'handicap vengono fatti partire più indietro degli altri.


HANNOVER: (zool.)

E' una razza di cavallo tedesco, che presenta il mantello ge­neralmente sauro, più raramente grigio, baio e morello; ha una struttura meso-dolicomorfa ed un'altezza variabile tra 1,53 m. e 1,70 m. L'Hannover è particolarmente indicato per la sella ed il tiro leggero.


HAUTE ECOLE:

E' un'espressione francese che significa alta scuola.


HEOIPPUS: (zool.)

Insieme all'orohippus è l'antenato del cavallo, vissuto nell'eo­cene superiore, dalle dimensioni simili a quelle di un grosso cane, che viene antecedentemen­te al mesohippus.


HOLSTEIN: (zool.)

E' una razza di cavallo tedesco, che presenta il mantello gene­ralmente baio, sauro o grigio. L'Holstein ha una struttura me­somorfa e d un'altezza variabile tra 1,53 m. e 1,62 m. E' partico­larmente indicato per la sella ed il tiro leggero. Ebbe origine nel tredicesimo secolo. Nel corso degli anni è stato migliorato con il Trakehner.; il purosangue inglese e derivati orientali.


HORSE BALL:

E' uno sport equestre di squadra equestre. La partita si gioca con una palla di circa 65 cm di diametro  fornita di sei maniglie che permette di effettuare il ramassage (vedi). Si svolge su un campo lungo fra 60 e 75 metri e largo fra 20 e 30 metri con due canestri verticali (addiferenza di quelli della palla canestro che sono orizzontali). Vince la squadra che effettua più canestri.


HUNTER: (zool.)

E' una razza di cavallo della Gran Bretagna, che presenta una grande varietà di mantelli L'Hunter ha struttura mesomorfa ed un'altezza variabile tra 1,60 m. e 1,72 m. E' particolarmente in­dicato per la sella (concorso di salto ostacoli e completo) ed il tiro leggero. Ne esistono due tipi: l'hunter inglese e l'hunter irlandese. Ebbe origine nelle isole britanniche.


HUNTSMAN:

Nella caccia, è la persona alle dipendenze del Master; che ha la responsabilità della cura, dell'addestramento e della condot­ta della muta dei cani (pack).


HYRACOTHERIUM:
(zool.)

Più conosciuto col nome di eoippo o eohippus, è il più anti­co antenato del cavallo: si tratta di un equide fossile non più grande di una lepre, vissuto nell'eocene inferiore circa sessan­ta milioni di anni fa. Aveva quattro dita nei piedi anteriori e tre in quelli posteriori, e queste dita erano dotate di cuscinetti si­mili a quelli dei cani.

Redazione
Fonte: Piero Acquaro

Commenti

LIBRI: leggi anche...

asdasdasd