Equigomma
COME GESTIRE LA PAURA QUANDO SEI A CAVALLO (parte uno di due)

COME GESTIRE LA PAURA QUANDO SEI A CAVALLO (parte uno di due)

Mental coaching con Eva Rosenthal, Campionessa di Dressage.

_2017/eva_rosenthal1.jpg



_2017/eva_rosenthal_2(3).jpg



Con i Cavalli non puoi mentire, loro percepiscono ogni tua emozione e reagiscono di conseguenza. Questa consapevolezza può essere utile per farci diventare più responsabili dei nostri pensieri e delle nostre emozioni, perché saranno questi a influenzare e guidare lo stato d’animo del nostro cavallo e la qualità dell’intesa che creiamo con lui.

 

Proprio per questo diventa fondamentale saper gestire le proprie emozioni quando si interagisce con loro, in particolare quelle emozioni che possono risultare poco utili come la “Paura”, in quanto possono compromettere la tranquillità del tuo cavallo e la sintonia del lavoro svolto insieme a lui.

 

 

 

COS’E’ LA PAURA?

 

La paura in realtà è un’ottima emozione: è infatti quell’istinto primordiale che, in caso di pericolo, ti prepara a combattere o scappare!

 

La paura è un’emozione molto utile perché ha la funzione di salvarci la vita: infatti se ci troviamo di fronte ad un pericolo o ad un attacco, il nostro istinto di sopravvivenza, grazie alla paura, fa partire una scarica di adrenalina che mette il nostro cervello, e di conseguenza il nostro corpo, in allerta per prepararsi a “battersi” o a “battersela”.

 

Questa scarica di adrenalina fa defluire il sangue verso le estremità, le gambe e le braccia, e il nostro corpo è quindi pronto in modo immediato a scappare o a combattere.

 

La paura è una delle emozioni che permette all’uomo di sopravvivere di fronte ai pericoli, di fare gesti repentini o incredibili; questa emozione comunica direttamente con la parte ancestrale del cervello ed è utilissima nei casi in cui devi agire velocemente e con molta forza MA, senza dubbio, non è un’emozione utile da provare quando monti a cavallo.

 

Infatti provare queste scariche di adrenalina a cavallo fanno spesso fare azioni esagerate o poco incisive, distrae e innervosisce il cavallo e spesso, siccome in quei momenti si perde la lucidità mentale, diminuisce la sensibilità e il “tatto” che normalmente si avrebbero quando si è tranquilli.

 

 

 

PERCHÈ ALCUNE VOLTE SI HA PAURA A CAVALLO?

 

Mi capita spesso di incontrare persone che hanno una grandissima passione per i cavalli, ma che poi quando salgono in sella hanno paura, oppure anche professionisti che al minimo scarto del cavallo si fanno prendere dalla paura e non sono più in grado quindi di montare con la mente serena.

 

Molte volte le persone hanno paura di cadere o di farsi male o hanno semplicemente paura che il cavallo faccia uno scarto. Alcune volte la paura scatta dopo uno scarto perché si pensa subito che ne farà un altro più forte e scatta la paura dell’ignoto o di cadere. Altre volte invece alcuni cavalieri provano paura di sbagliare, del giudizio degli altri o di fare un figuraccia. Ma avere paura di cose che potrebbero accadere nel futuro non è utile perché compromette quello che stai facendo nel presente.

 

Non fraintendermi, in alcuni casi provare paura va benissimo, soprattutto se ti trovi a montare un cavallo pericoloso o al di fuori della tua portata, ma alcune volte, quando non c’è un reale pericolo diventa un semplice ostacolo mentale.

 

Provare paura ingiustificata quando sei a cavallo non è utile perché questa emozione tende a rovinare la tua performance e la sintonia e tranquillità del cavallo.

 

 

 

 

LE PERSONE SPESSO PROVANO PAURA NON PERCHE CI SIA UN REALE

 

PERICOLO MA PERCHÈ SI CREANO IL PERICOLO NELLA LORO MENTE  

 

 

Questo crea limiti mentali che non permettono loro di crescere, migliorare ed esprimere tutto il loro potenziale.

 

E’ comprensibile avere paura se monti a cavallo per le prime volte o se ti trovi a montare un cavallo giovane e irruente che è al di sopra dalla tua esperienza e delle tue capacità tecniche ed è bene così perché, se non sei preparato è meglio non salirci, MA se stai montando a cavallo in modo “coerente”, cioè se stai montando un cavallo che è fisicamente e mentalmente adeguato alla tua esperienza, alla tua capacità tecnica e sei seguito da un istruttore competente, questa emozione non sarà utile per te e per il cavallo.

 

Se le condizioni sono adeguate e sei con il cavallo giusto per te al livello giusto per te, provare Paura non è utile perché questa emozione verrà percepita dal tuo cavallo e ne risentirai nel lavoro che stai svolgendo insieme a lui.

 

Spesso la paura deriva da pensieri non utili o immagini non utili che si creano nella mente delle persone. Ad esempio quando il cavallo scarta invece di pensare “è tutto ok” alcune persone iniziano a pensare “caspita adesso cado...“ o cose del genere. Spesso il pericolo non è reale ma si crea nella propria mente e in questo articolo vedremo come gestire la mente al meglio.

 

Il problema è che se provi paura a cavallo la trasmetterai anche a lui e probabilmente lui diventerà nervoso, starà all’occhio in attesa di un attacco e quindi sarà pronto a fuggire e di conseguenza sarà poco concentrato e poco attento ai tuoi aiuti.

 

Il cavallo è una preda, un animale da fuga e quando si trova con il proprio cavaliere e ha con lui un buon rapporto tende a fidarsi ciecamente di lui, facendolo così diventare il suo capobranco. Il cavallo si farà fortemente influenzare dalle emozioni del proprio cavaliere/capobranco e reagirà di conseguenza. Questo vuol dire che se il suo cavaliere è sereno, sicuro di se e concentrato, allora anche il cavallo proverà quelle emozioni o comunque si farà influenzare dal senso di sicurezza che sta provando il proprio cavaliere.

 

La stessa cosa però funziona anche al contrario e quindi, se il suo cavaliere sarà nervoso o avrà paura, allora anche il cavallo si farà influenzare da queste emozioni e sarà quindi nervoso e pronto alla fuga perché si starà aspettando un pericolo o un attacco imminente.

 

Infatti nei cavalli in libertà è il capobranco che “fiuta” il pericolo e mette in allerta tutto il branco per prepararsi e fuggire in caso di pericolo. Provando paura è un po’ come se tu mettessi in allerta il tuo cavallo di un potenziale pericolo e quindi lui reagirà di conseguenza.

 

 

 

 

COSA ACCADE QUANDO HAI PAURA A CAVALLO? 

 

Se provi paura quando sei in sella è come se tu stessi mandando un messaggio di pericolo al tuo cavallo e lui sensibile com’è lo sentirà. Come ben sai poi, ogni cavallo ha il suo carattere e quindi potrà reagire in modo diverso: ad esempio, se ti trovi a montare un cavallo un po’ “insicuro” si farà influenzare dalla tua emozione di paura e quindi probabilmente diventerà sospettoso, nervoso e sarà pronto a scartare ad ogni rumore o gesto, più tu lo sentirai nervoso, più avrai paura e si innescherà un circolo vizioso negativo.

 

Se invece stai montando un cavallo un po’ “prepotente” molto probabilmente, nel momento in cui sentirà che hai paura, cercherà di prendere il sopravvento, tenterà di fare di testa sua e cercherà di evitare gli esercizi che gli stai chiedendo, più tu lo sentirai che ti sta sfidando più avrai paura e anche in questo caso si innescherà un circolo vizioso negativo.

 

In entrambi i casi provare paura porterà il tuo cavallo a distrarsi, a perdere focus e a non essere più connesso con te e il risultato della tua performance, che tu sia in gara o in allenamento, verrà compromessa. La paura non è un’emozione utile da provare a cavallo in situazioni “adeguate”, perché perderai la connessione con il tuo cavallo, che di conseguenza sarà distratto e commetterà errori nel lavoro che state facendo insieme.

 

 

 

 

PERCHÈ È IMPORTANTE GESTIRE LA PAURA

 

A CAVALLO?

 

Saper gestire la propria emozione di paura quando sei a cavallo diventa importante perché altrimenti non sarai in grado di creare la giusta intesa con lui e non sarete concentrati e quindi connessi per esprimere tutto il vostro potenziale. La paura rischia quindi di farti montare male e di far diventare il tuo cavallo nervoso o distratto, lui non si fiderà di te e quindi il risultato sarà molto al di sotto di quello che potreste invece fare in condizioni di serenità.

 

Provare paura è normale e va bene se stai per montare un cavallo fuori dalla tua portata, dal punto di vista tecnico e di maturità o se stai facendo una cosa pericolosa ma non è ok se la provi con il tuo cavallo o nelle situazioni “normali” che potresti gestire con serenità.

 

La Paura è ok perché serve a proteggerti: quello che puoi fare è Imparare a gestirla a seconda del contesto in cui ti trovi in modo che diventi un’emozione utile per te e non diventi un tuo limite.

 

Quindi possiamo dire che provare Paura va bene MA che dipende dal contesto in cui la provi: ad esempio in alcune situazioni dove non esiste un pericolo reale ma ti stai creando il pericolo solo nella tua testa, se non la sai gestire rischia di compromettere la vostra performance e quindi in qualche modo ti ostacola.

 

 

 

Ribadisco 2 premesse importanti:

 

  • monta un cavallo compatibile con la tua esperienza e preparazione tecnica

 

  • il tuo istruttore ti deve seguire al tuo livello adeguatamente

 

 

 

UTILIZZA AL MEGLIO I TUOI PENSIERI

 

Incomincia as ''allenarti mentalmente'' e a metterti nello stato d'animo migliore in ogni situazione per poter dare il meglio di te sempre!

 

Se vuoi scoprire 6 strategie di mental coaching per gestire la paura a cavallo leggi il mio altro articolo QUI! 

 

Ecco per te alcuni spunti e qualche strumento pratico di Mental Coaching per iniziare ad allenare e gestire la tua mente. Prova questi passaggi e fammi sapere come va. Scarica il mio Video Corso di Allenamento Mentale a questo link: http://sport.ekis.it/sportequestri e allenati con me per migliorare le tue performance a cavallo e nella vita.

Redazione


Eva Rosenthal
Mental Coach
campionessa di dressage

Fonte: INFORMA 01-2019 | Gennaio - Febbraio

Commenti

BENESSERE: leggi anche...